giovedì 26 dicembre 2013

Il ritorno di Kriminal

  
 
 
 
Grande iniziativa editoriale di Mondadori Comics: una collezione in sei maxi-volumi (prezzo di € 14,99), con tavole restaurate, delle storie di Kriminal, fumetto epico che ha segnato un'epoca. Ciascun volume raccoglierà sei albi della produzione originale, in ordine cronologico. Molto bello il formato, con copertina rigida e dimensioni 14×21 centimetri, con sei episodi per oltre 700 pagine. Completa l'edizione, per il primo volume, una presentazione one shot di Max Bunker e quelle di Francesco Manetti delle singole storie contenute. Il primo volume, uscito questo mese nelle edicole e nelle fumetterie (già al sicuro nella mia libreria) contiene i mitici primi episodi del nostro Re del nero: Il Re del delitto (n. 1 agosto 1964), Il Museo dell'orrore (n. 3 ottobre 1964), Omicidio al riformatorio (n. 5 dicembre 1964), Morte a domicilio (n. 6 gennaio 1965), Trappola infernale (n. 7 gennaio 1965), e La cattura di Kriminal (n. 8 gennaio 1965). Il secondo albo uscirà a gennaio 2014.
 
 
 
Leggendo oggi queste storie è difficile coglierne la portata "rivoluzionaria" dell'epoca, bisogna inquadrare questo fumetto nella sua realtà sociale, negli anni sessanta. Kriminal ha infranto molti tabù, dal sesso all'efferatezza, fino alla violenza più cruda ed esplicita, scatenando le ire del conformismo culturale, una vera e propria caccia alle streghe. Kriminal era tutto ciò che non si poteva vedere, che non si poteva dire. I soggetti di Max Bunker, in una rilettura moderna, possono sembrare appesantiti dal tempo, ma il tono e le atmosfere vintage offrono ancora grande fascino a questo fumetto unico nel suo genere. I disegni del grande Magnus lasciano il segno, come sempre, e per chi come me ha collezionato i vecchi albi originali (difficili da reperire in buone condizioni) è un piacere immenso sfogliare le tavole restaurate di questa bellissima edizione. Personalmente, tra gli episodi inclusi in questo primo albo, ho sempre amato Omicidio al riformatorio (chissà quante volte ho riletto questa storia), non ho mai dimenticato la tavola 6/42 (che troverete a pagina 414 di questo nuovo maxi-volume) con Kriminal che getta una donna dalla finestra sulla scogliera, più di cento metri di volo dopo una notte d'amore. Una sintesi estrema, mirabile, del tenore di questo fumetto. Ma trovo fantastico ed evocativo anche Il Museo dell'orrore, e poi a seguire tutti gli altri. Per tutti gli appassionati, e non solo, questa collezione è decisamente un appuntamento imperdibile. Il modo migliore per festeggiare i 50 anni di questo grande fumetto.
 
 


1 commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...